Ditelo con un uovo!

Tempo libero12/04/2019

Il senso della Pasqua nei vari paesi, visto attraverso le uova

Si fa presto a dire uovo. Un simbolo di perfezione, che ci mangiamo sotto forma di cioccolato in occasione della Pasqua ma che è stato esplorato da artisti in tutti i modi. Per Salvador Dalì l’uovo era un simbolo incredibilmente potente: con il suo interno molle protetto da un esterno duro, rappresentava sia la nascita della vita che l’universo intero. Non è strano, dunque, che l’artista abbia deciso di renderlo uno dei protagonisti del suo Teatro-Museo di Figueres, in Catalogna: l’uovo compare più volte sul tetto dell’edificio in formato gigante.

In Ucraina invece impera la tradizione delle uova pasquali dipinte a mano (pysanka) tanto che la cittadina di Kolomyja, nel sud ovest del Paese, le ha dedicato un intero museo. Il Museo del Pysanka raccoglie oltre diecimila uova decorate con i motivi e i colori più disparati, appartenenti a diversi territori e a diverse epoche. Le più antiche risalgono al Diciannovesimo secolo, le più lontane arrivano dal Canada, ma non mancano anche quelle dal Pakistan, dall’India o dalla Francia. Creato nel 1987, il museo saluta tutti i visitatori con all’ingresso un uovo colorato di oltre 14 metri d’altezza: il più grande del mondo.

In Russia, nel Museo Fabergé di San Pietroburgo, troviamo invece le omonime uova, realizzate dagli artigiani russi dell’omonima maison di gioielleria. Nate nel 1885 su richiesta dello zar Alessandro III per la moglie Maria Fëderovna e diventate poi una tradizione pasquale della famiglia imperiale, queste piccole meraviglie sono vere e proprie opere d’arte ricche di pietre dal valore inestimabile e curate in ogni dettaglio. Oggi alcune di loro sono ospitate all’interno del Palazzo Šuvalovskij di San Pietroburgo, dove nel 2013 è stato inaugurato il Museo Fabergé. 

A Vegreville che è una cittadina dell’Alberta, nel Canada occidentale, c’è invece un gigantesco uovo di alluminio colorato, realizzato dallo scultore Paul Maxum Sembaliuk, lungo nove metri e del peso di 2,5 tonnellate, che lo rendono il secondo più grande al mondo. Nel sud della Germania, nello stato del Baden-Württemberg, esiste una piccola cittadina nota soprattutto come zona sciistica in inverno e come località di villeggiatura in estate: Sonnenbühl. Tra sport e relax, questo luogo vanta un’attrattiva davvero particolare: in un piccolo edificio del centro, un tempo adibito a scuola, è ospitato un museo interamente dedicato alle uova di Pasqua. 

In Romania c’è una delle grandi collezioni al mondo di uova decorate, nella fattispecie a Vama, nel nord del paese. Con i suoi oltre settemila esemplari, il Museo delle Uova vuole far conoscere ai suoi visitatori una delle arti e delle tradizioni più antiche di questo territorio, mantenerla viva e, soprattutto, metterla in pratica grazie a workshop e laboratori. Le uova provengono da diverse aree del pianeta, dalla stessa Romania al Giappone, e sono esposte all’interno di teche organizzate e divise per area geografica. Un vero giro del mondo attraverso una forma d’arte studiata in ogni dettaglio.

Itinerari in tutte le agenzie viaggi.

Dove prenotare questi viaggi?

Altre notizie

#JustAsk

Rispondiamo
entro un'ora
sulla nostra pagina Facebook

Fai la tua domanda
Orari d'apertura

Telefono: 030 91 58 178
> Contattaci

Top