Indietro
1920x580

Condizionatori: quattro cose da non fare!

Per evitare dispendi di energia

Arriva il periodo della canicola e serve un po’ di refrigerio. Ma il problema del consumo energetico e delle emissioni di CO2 è sempre dietro l’angolo. Ecco allora alcuni consigli dispensati da Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie e per l’ambiente.

In primis, se lo dovete acquistare nuovo, scegliete un modello A+++: vi farà spendere il 30 - 40% in meno di energia elettrica rispetto a un modello di classe B. Seconda cosa, il sistema di controllo inverter: funzionale per chi tiene acceso tante ore di seguito, questo sistema costa di più ma consumo energetico e rumore sono inferiori. La velocità di rotazione del compressore viene regolata di continuo e questo permette sempre di avere prestazioni ottimali.

Il condizionatore va posizionato nella parte alta della parete, perché l’aria calda sale mentre quella fredda scende e si mescoleranno più facilmente!

Spesso, per avere una sensazione più sopportabile basta de-umidificare l’aria: l’umidità fa percepire una temperatura molto più alta!

Non lasciare mai porte e finestre aperte, perché ulteriore aria calda confluirebbe in casa costringendo il condizionatore a ricominciare il lavoro.

Infine, filtri e ventole devono essere puliti a inizio stagione e ogni due settimane circa, perché vi è il rischio che batteri e muffe (anche molto pericolosi, come la legionella) si annidino nei dispositivi.

condizionatori

Eventi

Una piscina in giardino?

Si, insieme ai leader del divertimento outdoor